Feeds:
Posts
Comments

Archive for the ‘Canonica Lambro’ Category

Proseguendo a sud di Brugora, tornando verso il Lambro, si entra nel territorio comunale di Triuggio (m. 231 s.l.m., 8151 abitanti), in un paesaggio di valli boschive attraversate da torrenti minori, occupate da piccoli insediamenti storici, oggi frazioni del comune.

Il primo nucleo che si incontra è quello di Tregàsio, appartenuto nel XIII secolo al monastero milanese di San Simpliciano, degna di visita è la Rotonda, o cappella dei Ss. Gervaso e Protaso, un piccolo pantheon neoclassico (ispirato ad un più noto modello di Inverigo), disegnato da Luigi Cagnola e terminato nel 1842 da Ambrogio Nava d’Adda.

Poco sotto, in località Zuccone S. Giovanni, la strada porta alla villa Sacro Cuore, già possedimento dei padri barnabiti ed oggi centro spirituale.

In frazione Rancate, a nord del capoluogo, la chiesa parrocchiale del Seicento racchiude opere di un certo valore, a firma degli Appiani, del Genovesino e di un Campi, mentre la cascina Boffalora è stata ristrutturata ed adibita a Centro di Educazione Ambientale.

A Triùggio si avvicina il Lambro e si inizia a discendere il fondovalle lungo la strada provinciale 135. Dopo pochi chilometri si raggiunge Canònica, ben conservato nucleo dal quale emerge Villa Taverna.

L’edificio è preceduto da una cancellata di foggia barocca sormontata da statue su mezzi timpani ricurvi. Un tempo fortificato, fu trasformato a più riprese: per quella voluta nel 1532-52 dal conte Francesco Taverna, coeva al giardino all’italiana tuttora conservato nelle sue linee generali, si è ipotizzato l’intervento del Pellegrini.

Di particolare risalto il raccordo a cannocchiale che, ponendo come primo punto di fuga la villa ed i corpi di servizio, traguarda fino all’antistante altura lambendo fra gli altri edifici l’oratorio della Beata Vergine (Giacomo Antonio Quadrio, 1735).

Alla villa si lega una nota vicenda storica: avrebbe infatti ospitato, durante la sua fuga, Gian Paolo Osio, l’Egidio dei Promessi Sposi.

Advertisements

Read Full Post »